Appunto riguardante la tecnica di modulazione per il trasporto dei dati, con dettagli sui diversi tipi di modulazione (ampiezza, frequenza, fase, QAM). Definizione e significato del termine modulazione. Le modulazioni sono tecniche per la trasmissione dei segnali elettrici (o elettromagnetici mediante antenne) che hanno lo scopo di associare un segnale detto modulante (in genere contenente informazione) ad un altro segnale detto portante che ha le caratteristiche adatte ad essere trasmesso in un certo canale . La multiplazione è una tecnica che consente di inserire sullo stesso canale più segnali senza interferenza reciproca.

Esistono tre diversi tipi di modulazione : di frequenza (FM, Frequency Modulation), di ampiezza . Perché inventarono la modulazione FM?

La modulazione AM era molto sensibile al rumore. Il rumore che cade nella banda del segnale modulato si somma ad esso, degradando cosi il contenuto . Si chiamano modulazioni numeriche o digitali, quel tipo di modulazioni in cui il segnale modulante è di tipo numerico e vengono impiegate nella trasmissione dati fra modem, nei ponti radio, nei cellulari, nei collegamenti via satellite. Amplitude Shift Keying = modulazione a . approfondimento) f sing (pl: modulazioni ). In campo strettamente musicale, . Teorema della risposta in frequenza.

Il modulatore termico a doppio stadio della Zoex è tra i più efficienti e adatti a produrre picchi estremamente stretti nella seconda . Capacità massima del mezzo trasmissivo.

Rapporto tra bitrate ottenuto e banda usata. Dipende dagli schemi di modulazione e codifica. Studio di nuove codifiche per aumento della. La percezione di una tonalità è molto complesso e comprende fattori sia melodici che armonici.

Espressioni generali per una portante sinusoidale modulata da un segnale sinusoidale: portante: modulante: fase istantanea del segnale Psegnale Pfase istantanea del segnale Fsegnale F= deviazione di frequenza di picco rispetto alla portante. La portante, che consente la traslazione in frequenza del segnale modulante. La FM consiste essenzialmente nel far variare la frequenza del segnale portante in modo proporzionale al segnale modulante. Hoepli Italiano-Inglese. Modulazione segnali nel campo delle telecomunicazioni.

Notiamo subito che, a differenza della am, il modulo di x(t) è rigorosamente costante e pari ad a, mentre la fase α(t) varia continuamente. Si è già mostrato al § 9. In particolare, nella tecnica fotocinematografica, per la modulazione della luce, nella registrazione di colonne sonore. Progetto web di Paolo Sparaci.